Il gruppo gay de Lo Hobbit. La desolazione di Smaug

A quanto pare Ian McKellen ha fatto outing (involontario) a diversi suoi colleghi.

Ian McKellen

Siamo certi che sir Ian McKellen credeva di fare un commento abbastanza tranquillo, ma alcune sue affermazioni hanno fatto il giro del web e non solo. In un’intervista, infatti, Ian McKellen ha parlato della sua scelta di vivere liberamente la propria omosessualità, soprattutto a partire dagli ultimi dieci anni e si è soffermato anche su vari attori gay. Ha fatto, quindi, un confronto tra il cast de Il Signore degli anelli e quello de Lo Hobbit: La desolazione di Smaug. McKellen ha detto:

Nel primo film come gay c’eravamo solo io, una truccatrice e un costumista. Ora, oltre a me, ci sono due dei nani e anche Luke Evans, Stephen Fry e Lee Pace… non è questo un progresso?

Senza volerlo, McKellen ha fatto outing ad alcuni suoi colleghi, quindi. Stephen Fry è gay dichiarato e orgoglioso da tempo e qui non ci sono problemi. Luke Evans ha fatto coming out, anche se a quanto pare non parla molto del suo orientamento sessuale. Lee Pace non ha fatto mai coming out, anche se le voci sul suo orientamento sessuale si rincorrono da tempo e ora si sono rafforzate con le dichiarazioni di Ian McKellen.

Per quel che riguarda i due nani, l’unico gay dichiarato è Adam Brown, che interpreta Ori nella trilogia de Lo Hobbit. E l’altro? Dopo le affermazioni di sir Ian McKellen in molti hanno pensato che si riferisse a Richard Armitage (Thorin Scudodiquercia nella saga), tanto che alcuni sostengono che ci sia del tenero tra lui e Lee Pace di cui sopra. Ma, al momento, sono solo voci.

Via | Ociogay

  • shares
  • +1
  • Mail