Da oggi i gay possono far parte dei Boy Scouts d’America

Parte da oggi, 1 gennaio 2014, una mini-rivoluzione all’interno dei Boy Scouts d’America.

Da oggi i gay possono far parte dei Boy Scouts d’America

I Boy Scouts d’America da oggi, 1 gennaio 2014, accetteranno giovani gay dichiarati nelle loro fila: si tratta di un cambio storico nella politica dei Boy Scouts che, come ben sappiamo, in passato si sono dimostrati più e più volte chiusi alla possibilità di avere un atteggiamento di accettazione dell’omosessualità.

Secondo Brad Haddock, del Consiglio Esecutivo Nazionale dei Boy Scouts d’America, non si tratta di un cambiamento così importante: secondo lui questa nuova politica degli Scouts è paragonabile a tutto il caos che ci fu il primo gennaio del 2000 quando il baco del millennio avrebbe dovuto creare problemi a livello globale. Non successe nulla allora e nulla di così sconvolgente avverrà a partire da oggi. Chiosa Haddock: “Tutto continua ugualmente, non succede nulla e andiamo avanti”.

A dire il vero qualcosa è successo: diverse chiese hanno iniziato a ritirare i finanziamenti all’associazione per via di questa nuova politica e anche alcune famiglia hanno mandato i propri figli alla Trail Life USA, altra associazione di scoutismo ma molto conservatrice. Anche qui Haddock, comunque, continua nella sua linea di pensiero:

Non ci sono state grandi conseguenze: se una chiesa annuncia che non lavorerà più con noi, ne arriva subito un’altra che inizia a sostenerci.

La nuova politica dei Boy Scouts d’America è stata votata a maggio dello scorso anno e si è trattato, nei fatti, di una rivoluzione a metà: l’accettazione dei gay nell’associazione, infatti, è limitata solo ai ragazzi che, in ogni caso, dovranno condannare fermamente qualunque tipo di rapporto sessuale – tanto etero quanto omosessuale – negli anni in cui saranno membri dell’associazione stessa. Gli adulti omosessuali non erano ammessi e continueranno a non esserlo: quindi un giovane boy scout gay non potrà mai ricoprire livelli di responsabilità all’interno del gruppo. Il che significa che se uno volesse far carriera nei boy scout dovrà dire di essere eterosessuale anche se non lo è.

Foto | Sentido G

  • shares
  • Mail