Terremoto a Washington: la colpa, ovviamente!, è dei gay

Terremoto a Washington: la colpa, ovviamente!, è dei gay

Il terremoto che ieri ha colpito Washington e New York ha avuto un'alta eco mediatica: basti pensare che in alcuni momenti sono stati cinguettati 5500 messaggi al secondo solo su Twitter. In tutto questo andirivieni di informazioni, qualcuno si è preso la briga di scegliere le venti motivazioni più ridicole che sono state addotte dagli utenti sulla causa di questo terremoto: si va dalla crisi economica in Grecia (e perché colpire gli USA, allora?), alla politica di Barack Obama. E c'è chi vede nel terremoto una punizione divina per la presenza dei gay sul suolo americano. Ecco alcuni deliranti messaggi:


  • È evidente che questo terremoto indica che Dio è arrabbiato con noi e sono quasi sicuro che la causa è perché abbiamo permesso che ci sia il matrimonio gay

  • Il terremoto ha colpito la East Coast perché ci sono molti gay negli USA

  • New York ha legalizzato i matrimoni gay: pensate che Dio sia d'accordo con questo? Ecco il terremoto. Fuoco e zolfo!

  • Questo succede perché le donne sono bisex e lesbiche e il matrimonio gay viene accettato

  • Dio ci sta dicendo che non accetta questa merda gay, l'ho detto!

  • Dio non è d'accordo con il matrimonio gay

  • Dio è arrabbiato con tutte queste stronzate del matrimonio gay!

Nel leggere questi commenti mi sono tornate in mente le parole che la presidente dell'Argentina, Cristina Fernández de Kirchner, disse in occasione dell'approvazione della legge sui matrimoni gay nel suo paese:

Io credo profondamente in Dio ma non nel Dio castigatore, nel Dio persecutore, nel Dio che se faccio quale cosa mi fulmina. Credo in un Dio che vuole la giustizia anche sulla Terra, che protegge i deboli e le minoranze. Se Gesù si è distinto in qualcosa è stato per essere il protettore dei deboli e di quanto hanno problemi. Non dobbiamo dimenticarci di Maria Maddalena e del fatto che la prima pietra avrebbe potuto tirarla solo chi era libero dal peccato.

Foto | TMNews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: