Trieste: flash mob di baci gay alla settimana liturgica nazionale

Baci gay a Trieste in occasione dell\'incontro annuale dei liturgisti cattolici

È iniziata ieri a Trieste la settimana liturgica nazionale con la presenza di oltre centocinquanta persone di cardinali, vescovi, monsignori, suore, studiosi di liturgia e compagnia bella. In occasione dell'apertura Arcigay ha organizzato un flash mob di baci gay: il bacio è avvenuto, in particolare, alla presenza del cardinal Angelo Comastri, vicario del papa per la Città del Varticano e prolifico autore di libri di “spiritualità cristiana”. Dicono gli organizzatori:

A prescindere dall’orientamento sessuale e dalle credenze religiose o meno di ciascuna/o di noi, ci siamo baciati per rivendicare il diritto di vivere la propria affettività senza il peso dello stigma e senza discriminazioni. Con questa azione abbiamo cercato di rimettere al centro del dibattito pubblico e politico la questione dell’omofobia presente nel nostro paese e del pesante vuoto legislativo in materia, condizionato dalle posizioni vaticane, passivamente accolte da una parte della classe politica.

Voi date schiaffi, noi diamo baci è stato il leitmotiv del flash mob, al quale hanno preso parte anche coppie etero, perché i diritti sono di tutti.

Baci gay a Trieste in occasione dell\'incontro annuale dei liturgisti cattolici
Baci gay a Trieste in occasione dell\'incontro annuale dei liturgisti cattolici
Baci gay a Trieste in occasione dell\'incontro annuale dei liturgisti cattolici

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: