Apple, Abercrombie e Nike sono brand troppo gayfriendly per Natale 2013 secondo alcuni cristiani

Ecco i marchi che sono stati criticati per il supporto ai diritti Lgbt

Apple-pro-gay

I Cristiani contrari ai diritti Lgbt si sono messi in moto e hanno stilato una classifica di marchi internazionali giudicati troppo favorevoli agli omosessuali. E quindi hanno deciso di indicare quali prodotti sarebbe meglio evitare di comprare per Natale, proprio come "punizione" per il loro appoggio alle tematiche gay.

Assurdo? Ovviamente. Ma purtroppo è così. E così, nella lista di coloro che si battono per l'uguaglianza e contro la discriminazione troviamo Apple, Abercrombie e Nike, tra i tanti nomi.

Appare anche The Home Depot, colpevole di aver organizzato un flash mob a favore delle nozze gay in una delle loro sedi di negozi.

Adidas è giudicata troppo laica. Abercrombie, invece, abbraccia pienamente gli obiettivi politici e sociali del movimento omosessuale, bisessuale e transgender - tra cui il matrimonio omosessuale. Macy's agisce attivamente per la lotta a favore del mondo gay e trans e ha un'intera sezione del suo sito dedicata al gay "Pride" e alla storia. Accuse simili per Amazon e American Express.

L'accusa è le Aziende Che "normalizzano" le PERSONE LGBTI nel campo economico e nella cultura nei confronti del matrimonio omosessuale

Qui sotto l'elenco completo dei brand che hanno sostenuto troppo i diritti gay e, in alcuni casi, quello della donna di abortire.

Abercrombie and Fitch
Adidas
Amazon
American Express
Apple
Barnes & Noble
Best Buy
Costco
Gap, Old Navy, Banana Republic
The Home Depot
JC Penney
Levi Strauss and Co
Macy’s
Microsoft
Nike
Sony
Target
TJ Maxx, Marshalls, Home Goods
Visa

Via | GayStarNews

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 97 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO