Treviso: un flash mob in difesa del bacio tra due studentesse

Effusioni nel corridoio di un liceo, la preside richiama per chiarimenti.

foto bacio lesbo

Una storia che abbiamo già sentito, ma qui con un finale nuovo. Che invece di soprendere però, da una parte conferma che conquiste, prese di posizione, ne sono state fatte, soprattutto nell'ambito dell'opinione comune, della percezione del rapporto sentimentale omosessuale. Due ragazze, “stanno insieme” e come molte persone della loro età - sono studentesse liceali - si scambiano effusioni, baci e carezze. Questo sarebbe avvenuto a Treviso, nei corridoi del Duca degli Abruzzi. Ma di questa "visione", qualcuno, probabilmente uno studente, – attraverso una missiva - ha informato la presidenza, che ha pensato bene di convocare le due per chiarimenti.

Una volta reso noto, il fatto è stato denunciato dai rappresentanti d'istituto del Duca. Che hanno fatto subito presente in una nota rilanciata dalla Rete degli studenti e dal Coordinamento studentesco:

È un grave caso di discriminazione. È sottinteso che si tratta di un sentimento tra due ragazze che ha provocato questa reazione ci dissociamo completamente sia dall'evento sia dal richiamo da parte della dirigenza. Non rappresentiamo una scuola discriminatoria e non accettiamo nessun tipo di scusante al comportamento condotto da questo anonimo e da giudizi istituzionali che tengono conto esclusivamente del prestigio che la scuola deve avere (…) Noi, studenti e studentesse, ci distacchiamo completamente da questi pensieri filo-nazisti e filo-fascisti perché la scuola è libera da qualsiasi pensiero ed azione discriminatoria

Sull'onda del dissenso, gli studenti, hanno anche deciso di lanciare una protesta per il 14 dicembre. Un flash mob previsto fra le 10,45 e le 10,50.

Invitiamo tutti a indossare un nastro viola, colore che segna la lotta contro xenofobia e omofobia che verrà consegnato all'entrata della scuola per manifestare la nostra libertà di esprimere la nostra sessualità


Lorenzo Boz

, rappresentante provinciale degli studenti del Duca degli Abruzzi sottolinea:

Precisiamo però che il comportamento dei docenti è stato totalmente corretto

Nel regolamento scolastico sono infatti vietate le effusioni amorose in luoghi pubblici, indipendentemente dal sesso dei protagonisti. Il flash mob è stato organizzato in armonia con il corpo docente. La preside Maria Antonia Piva dice:

Non mi pare sbagliato che i ragazzi possano riflettere sui temi della discriminazione politica, razziale o sessuale senza con questo contrapporsi al corpo docente.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 429 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO