Horace Walpole, padre del neo-gotico inglese

Grande iniziatore del Neo-gotico in Inghilterra, Horace Walpole ebbe due grandi amori: il poeta Thomas Gray e l'aristocratico Henry Clinton.

Horace Walpole

La sua opera "Il Castello di Otranto", ambientato in un'Italia fosca, fu il primo romanzo gotico della letteratura inglese. Un libro che gli diede allora grande fama ed oggi, a distanza di tanti secoli, mantiene ancora altissima la sua reputazione di scrittore. Figlio di un aristocratico, Horace Walpole crebbe in un'ambiente colto e raffinato, rivelando presto la sua omosessualità.

Sappiamo con certezza che durante gli anni giovanili a Cambridge si legò di affettuosa amicizia al poeta Thomas Gray. Insieme partirono per il gran tour dell'Europa, tappa allora fondamentale per ogni giovane di buona famiglia. Ma fu proprio durante quel viaggio tanto atteso che tra i due si aprì una frattura apparentemente insanabile e per molti biografi del tutto inspiegabile. Rientrato precipitosamente in Inghilterra, Walpole scelse di entrare in Parlamento e dedicarsi anima e corpo al rinnovamento del palazzo di famiglia (noto come Strawberry Hill) che divenne uno dei primi esempi di Neo-gotico in Inghilterra, legandolo così a doppio filo al suo celebre romanzo.

In quegli anni, lo scrittore ebbe anche un'intensa relazione con un altro giovane aristocratico, Henry Clinton, futuro duca di Newcastle. Un sentimento che andava ben oltre l'amicizia e su cui i biografi non hanno oggi più dubbi.

  • shares
  • Mail