Arcigay 'sgrida' Iva Zanicchi che dice di essere stata male interpretata

iva zanicchi si giusitifica, arcigay la sgrida

Ricordate le parole di Iva Zanicchi sul Gay Pride e sul pregare per la retta via dei gay? Ebbene la cantante spiega di essere stata equivocata e male interpretata. La donna non avrebbe, infatti, parlato della necessità di pregare per gli omosessuali e vuole specificare la sua posizione in merito alla sfilata dell'orgoglio:

"Non ho giudicato i Gay Pride in quanto tale, ma la scelta di alcuni di sfilare quasi nudi per le vie delle città: lo trovo inutile e per nulla aderente alla storia del movimento e alle giuste e sacrosante battaglie che porta avanti sul tema del riconoscimento di alcuni diritti civili"

E Arcigay interviene e risponde alle parole della donna e alle polemiche del mondo Lgbt:

Ecco il comunicato dell'associazione Lgbt:

"Arcigay prende atto delle attese precisazioni di Iva Zanicchi in merito ad alcune dichiarazioni dai contenuti omofobi rilasciate nei giorni scorsi ad un sito web. Le precisazioni dell’europarlamentare, anche in considerazione del fatto che nel 2010 era stata insignita del Pegaso d’Oro, un premio che Arcigay affida ad una personalità italiana che si è particolarmente distinta per la lotta all’omofobia, fugano, solo in parte, i nostri dubbi e il malcontento generato da dichiarazioni così poco accorte. Per quanto attiene ai Pride riteniamo molto deludente che l'artista abbia fatto affermazioni su eventi che notoriamente non conosce e a cui non ha mai partecipato. A Iva Zanicchi, poiché ci informa lei stessa che le sue dichiarazioni sono state travisate e deformate, va l’invito dell’associazione a maggior prudenza nel rilasciare interviste facilmente strumentalizzabili a danno della dignità delle persone gay, lesbiche e transessuali"

Arcigay crede alla giustificazione della Zanicchi e la avverte:


"Siamo portati a ragionare sulla buona fede di chi poi smentisce determinate affermazioni,ma non crederemo più ad equivoci, e qualora episodi del genere dovessero ripetersi provvederemmo a ritirare immediatamente il premio. A tutti i personaggi pubblici va l’appello dell’Associazione ad una maggior attenzione nel rilasciare dichiarazioni che, per i loro contenuti stigmatizzanti, possono offendere omosessuali, lesbiche e transessuali e diffondere pregiudizi, omofobia e discriminazione"

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: