Lincoln Kirstein, mecenate e dongiovanni bisex

Definito dal New York Times “un esperto in più campi”, Lincoln Edward Kirstein fu sopra ogni altra cosa un grande mecenate. Forse il più importante di tutto il Novecento.

Lincoln Kirstein

Al suo denaro ed al suo amore per l' arte (in ogni sua forma), molti artisti devono oggi la loro fama. Attorno a lui, in una New York frizzante ed apparentemente mai stanca, gravitavano nomi leggendari, dal poeta britannico W.H.Auden allo scrittore francese Jean Cocteau, dal pittore americano Paul Cadmus al regista russo Sergei Eisenstein.

Un cenacolo fitto di artisti, di talenti che hanno forgiato, ognuno a proprio modo e secondo il proprio estro, tutto un secolo. Una vita intensa quella di Kirstein che spaziava dalla pittura alla letteratura fino a toccare il balletto, ma che una volta chiusa la porta sul mondo delle arti certo non si annoiava.

Grande tombeur di uomini e donne indistintamente, Lincoln Edward Kirstein si destreggiava appassionatamente tra i due sessi. Così con la moglie Fidelma, sorella di Paul Cadmus, viveva intensi, ma domestici menage à trois. Un sodalizio, del resto, quello con la moglie che nessun rapporto extraconiugale, nessun nuovo amore piccolo o grande, passeggero o eterno, riuscì mai ad intaccare.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail