Ecco Bettel, diventerà il primo ministro gay del Lussemburgo

Xavier Bettel, attualmente Sindaco di Lussemburgo, si appresta a formare il governo

I politici gay - se il loro operato è valido, va da sé - costituiscono un esempio importante per l'opinione pubblica. Incarnano una rappresentanza, che ancora, fatica ad imporsi. Per questo ogni volta destano curiosità, spesso vengono guardati anche con ammirazione e speranza.

Se già non è una novità un premier gay - ricordiamo nel 2009 la premier islandese Jóhanna Sigurðardóttir, ora non più in carica, e l'italo-belga Elio Di Rupo a capo del governo Belga - Xavier Bettel, dichiaratamente gay, si appresta a far crescere la percentuali, diventando primo ministro del Lussemburgo.

E a chi fa riferimento, come accade spesso, alle note lobby gay che lavorerebbero nell'ombra per assicurarsi posti di potere e tessere la rete di una mappa di favoritismi. Bettel risponde:

"Io non sono un ministro gay. Il mio orientamento sessuale non è la ragione per cui sono o non sono eletto. Faccio politiche in favore di tutte le persone, non per una lobby. Abbiamo problemi anche con la disoccupazione, la casa e la finanza"

Better è il sindaco della città di Lussemburgo, ha appena ricevuto dal Granduca Henri l'incarico di formare il governo. Dopo le consultazioni di rito, in cui verranno chiamati verdi e i Socialisti, verrà formato un governo che lo vedrà Premier. A quel punto, se tutto procederà senza intoppi, come tutti i primi ministri, vivrà nella residenza destinata al capo del governo, insieme al suo partner: Destenay Gauthier.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 125 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail