Oltre 50 pastori metodisti celebrano un matrimonio gay per protesta contro i vertici della loro chiesa

Un pastore metodista USA è stato sottoposto a processo nella sua chiesa per aver celebrato un matrimonio tra due uomini e all'interno della chiesa molti pastori si sono schierati con lui.

Oltre 50 pastori metodisti celebrano un matrimonio gay per protesta contro i vertici della loro chiesa

Frank Schaefer, pastore della Chiesa Metodista Unita degli USA, sei anni fa ha celebrato le nozze tra suo figlio Tim e il suo compagno. Le nozze vennero celebrate nel Massachusetts, primo stato USA a permettere il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Frank Schaefer era orgoglioso di sostenere pubblicamente suo figlio, che fece coming out a diciassette anni dopo un periodo in cui si era sentito in colpa per quello che lui riteneva essere un peccato. Tale sofferenza del figlio provocò un grande dolore nel padre che gli disse:

Gesù non ha mai parlato di omosessualità. Se è una questione così importante, perché non l’ha fatto?

Passano gli anni e Frank Schaefer continua il suo servizio di pastore nella sua chiesa. Ma pochi mesi fa, alcuni fedeli della sua chiesa sono venuti a sapere del matrimonio e hanno pensato di denunciare il pastore ai vertici delle comunità. Il fatto è che la Chiesa Metodista Unita non è una di quelle chiese che hanno posizioni omofobe estreme, ma continua a considerare in maniera ufficiale l’omosessualità come peccaminosa e non permette i matrimoni tra persone dello stesso sesso e nemmeno la loro benedizione. Così il pastore Frank Schaefer dovrà affrontare un processo interno alla sua chiesa che potrebbe avere varie conseguenze sul suo ministero e sulla sua vita. Il pastore avrebbe potuto evitare il processo se si fosse impegnato a non celebrare più nozze ugualitarie in futuro, ma lui non ne ha voluto sapere, dal momento che non c’è nulla di male nel fatto che due persone si amano.

Il processo contro Frank Schaefer ha avuto una forte eco nella sua chiesa e in molti si sono detti d’accordo con lui. Tanto che la settimana scorsa, una cinquantina di pastori hanno celebrato, tutti insieme, il matrimonio tra due uomini, Bill Gatewood e Rick Taylor, fedeli metodisti che stanno insieme da oltre venticinque anni.

Le nozze sono state celebrate nella Arch Street United Methodist Church in Filadelfia. In pratica, di tutti i pastori e le pastore presenti, trentasei appartengono alla Chiesa Metodista Unita e nove ad altre confessioni religiose. Inoltre, altri diciassette pastori della Chiesa Metodista Unita di vari luoghi degli USA, pur non essendo presenti alla cerimonia nuziale, hanno dato l’assenso perché i loro nomi fossero presenti nel certificato di matrimonio che poi è stato consegnato agli sposi.

In pratica, tutta una ribellione all’interno di una chiesa molto divisa sull’argomento “matrimoni gay”. Ora bisognerà vedere se i vertici della Chiesa Metodista Unita apriranno procedimenti disciplinari nei confronti di tutti i pastori che hanno presieduto le nozze.

Via | Dos Manzanas
Foto | Philly

Vota l'articolo:
4.02 su 5.00 basato su 51 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: