Giornalista russo arrestato per aver pubblicato intervista a insegnante gay

Aumentano i casi di omofobia in terra russa: a farne le spese, questa volta, un giornalista

Putin firma un decreto che vieta qualunque protesta durante i Giochi Invernali di Sochi

La legge contro la propaganda gay ha provocato un ulteriore vittima in Russia. A farne le spese un giornalista che ha deciso di pubblicare un'intervista ad un ex professore gay, licenziato a settembre dall'istituto nel quale insegnava. L'editor ha scritto il pezzo e ha riportato, precisamente, le parole dell'uomo che aveva dichiarato:

"La mia intera vita è la prova che essere gay è qualcosa di normale"

Sono bastate queste poche parole riprese a portare all'arresto di Alexander Suturin, colpevole di aver violato la legge che impedisce qualsiasi discorso o argomento sull'omosessualità. Ed essendo stato scritto su un giornale, poteva essere letto anche di un minorenne. Ed è proprio quello che non vogliono...

Il rischio è alto anche per il giornale stesso che, oltre a dover pagare una multa di 4.530 sterline circa, potrebbe essere ufficialmente chiuso proprio per questo articolo.

L'assurdità e la follia senza fine...

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail