Miss Universo 2013, Thomas Roberts il conduttore gay a Mosca con il compagno

L'uomo ha voluto farsi accompagnare dal marito come segno di protesta per la legge contro la propaganda gay

Thomas-Roberts

Russia e omofobia. Un binomio sempre più evidente e sempre più noto in tutto il mondo. Mentre non si placano le polemiche in merito alla presenza dei Giochi Invernali a Sochi, in queste ore al centro della bufera è il conduttore americano Thomas Roberts, giunto a Mosca per presentare la finale di Miss Universo. Ma non è arrivato da solo, bensì insieme al marito con cui si è sposato lo scorso anno, dopo un coming out pubblico.

L'uomo, in una recente intervista, ha dichiarato di aver deciso di presentare il concorso proprio per raccontarsi ed esporsi in prima persona in un paese lontano dai diritti gay. E non da solo, ma con il suo amore accanto:

"La legge russa segna un capitolo buio nella storia dei diritti per lesbiche, bisessuali, gay e transgender"

Secondo le indiscrezioni, Thomas potrebbe voler fare un discorso proprio in occasione della finale dello show, in modo tale da esporsi in prima persona e sottolineare come l'omosessualità non debba essere stigmatizzata e possa (è!) essere simbolo di assoluta normalità e routine. Parole che in un Paese come la Russia bruciano come il fuoco...

Infine, pare che la Russia possa rischiare di essere esclusa dall'Eurovision 2014 proprio a causa delle regole barbare contro gli omosessuali. Secondo la rivista tedesca Stern, sarebbe stata spedita una lettera da parte del comitato che organizzato questo evento, con una precisa critica:

"Abbiamo deciso di fare questo passo perché alcune delegazioni sono seriamente preoccupate per questioni di sicurezza"

Di risposta, il rappresentante della Svezia ha minacciato di ritirare il suo Paese se la situazione non verrà modificata -con l'esclusione della Russia- o la legge non cambierà.

Via | Repubblica

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 22 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail