Per la morte di Simone si indaga per istigazione al suicidio

Istigazione al suicidio: sembra questa la pista che stanno seguendo gli inquirenti per la morte di Simone, il giovane gay romano che si è lanciato nel vuoto un paio di settimana fa.

Manifestazione a Roma per ricordare Simone

Per la morte di Simone, il giovane ventunenne di Roma che si gettato dall'undicesimo piano del palazzo in cui viveva a fine novembre, gli inquirenti stanno indigando per istigazione al suicidio. Secondo quanto riporta Sky Tg24, infatti, sarebbero state acquisite una decina di telefonate che Simone avrebbe fatto al numero verde della Gay help line in cui avrebbe parlato dell'omofobia che vige in Italia. Il Corriere riporta alcuni estratti di queste telefonate:

Ciao... mi chiamo Simone... e ho ventuno anni...volevo dirti ... i ragazzi che si sono... suicidati...perché dicevano che erano gay...io capisco come si sentivano... il loro stato d’animo...alle volte viene anche a me la voglia di farlo...

E ancora:

Sono stufo di prese in giro e vessazioni... va avanti così da quando andavo alle medie... e poi le superiori... l’università... ora al lavoro.

Come ricorderete nel togliersi la vita Simone aveva puntato il dito proprio contro l'omofobia che c'è nel nostro paese. Nella borsa che aveva con sé, infatti, è stata trovata un messaggio d'addio in cui, tra l'altro, ha scritto:

L’Italia è un Paese libero ma esiste l’omofobia e chi ha questi atteggiamenti deve fare i conti con la propria coscienza.

A seguito della tragica morte di Simone si sono avute diverse reazioni da parte di molti esponenti della comunità LGBT italiana, come anche di quella politica e della cultura a vario livello. Tutti hanno avuto parole di condanna per il clima di omofobia in cui si vive in questo nostro paese. Nella gay street di Roma, accanto al Colosseo, si è tenuta una manifestazione per dire no all'omofobia e per ricordare Simone e intanto il Campidoglio ha fatto sapere che a gennaio del prossimo anno per una settimana farà sventolare la bandiera arcobaleno su Palazzo Senatorio.

Ora le indagini stanno seguendo la pista dell'istigazione al sucidio: forse ci saranno dei singoli che hanno spinto Simone a lanciarsi nel vuoto. Ma, probabilmente, è anche il clima di intolleranza che si respira in Italia da molto tempo ad aver avuto la sua parte nel gesto di Simone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail