De Magistris: sì al matrimoni gay e alle adozioni


Luigi De Magistris non è nuovo a dichiarazioni di grande apertura a proposito dei diritti delle persone omosessuali. Ne avevamo parlato anche qui su Queer, ma anche allora alcuni prevedevano: aspettate che si trovi a dover raccattare voti e qualcuno gli spiegherà che è meglio essere meno espliciti.

Certamente di voti ha bisogno adesso De Magistris, se vorrà vincere il ballottaggio e diventare sindaco di Napoli invece del suo rivale della destra Gianni Lettieri, che al primo turno ha conquistato il 38,5% delle preferenze. Imprevedibilmente - o quasi, visto che qualcuno ci sperava - De Magistris, sostenuto solo da Idv, Federazione della sinistra e liste locali, è riuscito a ottenere il 27,5% dei voti e a piazzarsi al secondo turno al posto del candidato Pd Morcone.

Intervistato dall'Espresso, a una domanda sui matrimoni gay e sulle adozioni da parte delle coppie dello stesso sesso, De Magistris è ancora una volta cristallino:

Favorevole. Non esistono amori e sentimenti di serie A e di serie B

Ovviamente, puntuale come un orologio è arrivata la dichiarazione polemica di un esponente di centrodestra, il ministro del Lavoro Sacconi, che - ogni volta non riesco a capacitarmene - in passato era socialista! Per Sacconi, De Magistris è un nichilista che non ha valori. Vedremo che cosa sceglieranno i napoletani.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: