Da oggi in Germania esiste il terzo genere nei documenti

La Germania da oggi è il primo paese europeo a permettere che i neonati siano registrati senza doverne specificare il sesso.

Da oggi in Germania esiste il terzo genere nei documenti

Da oggi, 1 novembre 2013, i genitori potranno lasciare vuota la casella che indica il sesso del loro bimbo nel certificato di nascita che sarà registrato, così, appartenente a un genere non definito. Quando crescerà sarà lo stesso soggetto a scegliere a quale genere appartenere.

È la prima volta che la legge tedesca riconosce che ci sono esseri umani che sono né uomini e né donne o lo sono entrambi, persone che non entra nelle categorie legali tradizionali. La misura vuole allentare la pressione che si esercita sui quei genitori che sono obbligati a decidere il sesso del loro figlio qualora questi dovesse presentare caratteristiche di entrambi i sessi.

Stando a quanto comunicato dal Ministero degli Interni sui passaporti tedeschi, oltre alla classica M per gli uomini e F per le donne ci sarà la casella X per indicare il “terzo genere”. Tali norme saranno applicate anche agli altri documenti ufficiali.

La legge, però, non risponde ad alcune domande su quello che significa vivere senza avere una identità sessuale giuridicamente stabilita. Per esempio, le persone appartenenti al genere X con chi potranno contrarre matrimonio o unione civile? In Germania il matrimonio è possibile solo tra un uomo e una donna e le unioni civili sono esclusivamente per le coppie dello stesso sesso.

Ci sono poi complicazioni pratiche: il nostro mondo funziona in gran parte secondo la logica binaria uomo/donna (anche solo già scriverne è difficoltoso: in italiano, per esempio, i concetti neutri sono espressi al maschile). La legge non crea anche gli spazi necessari per la vita delle persone X: il classico esempio dei bagni è sintomatico. A scuola – e non solo – ci sono i bagni per i maschietti e per le femminucce. In quale bagno andranno i bimbi intersessuati? Non è un problema da poco, anche se può sembrarlo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail