Se sei gay la patente non ti viene rinnovata

no patente ad un gay

Pensate che sia una barzelletta o un esempio volutamente estremo e grottesco? Vi sbagliate. E' quello che è accaduto ad un ragazzo di Brindisi. A far emergere la notizia ci hanno pensato i Radicali, che hanno depositato una interrogazione urgente ai ministri dei Trasporti e della Difesa. Ma qual è il motivo per cui a Cristian Friscina hanno negato il rinnovo della patente?

"risulterebbero patologie che potrebbero risultare di pregiudizio per la sicurezza della guida"

Come a dire: se sei gay sei pure instabile al volante. Non si sa mai. Metti che ti viene un improvviso colpo di frocite e ti schianti contro un palo, vuoi mettere? Pericolosissimo. Lo stesso Cristian si era dichiarato gay durante la visita militare e da lì è arrivata la comunicazione che "fa sorgere dubbi sulla persistenza dei requisiti di idoneità psicofisica prescritti per il possesso della patente". E ora, dopo il salto, vi riportiamo qualche commento a caldo sulla vicenda:

Ecco Paolo Patanè, presidente Arcigay:

"Una follia discriminatoria. Nemmeno un mese fa il Tribunale di Catania condannava, in secondo grado, il Ministero della Difesa e dei Trasporti a un risarcimento di ben 20mila euro a un omosessuale siciliano, al quale era stata negata la patente a causa del proprio orientamento sessuale. Oggi tocca a un giovane omosessuale di Brindisi, a cui esprimiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà, vedersi negato il rinnovo della patente di guida sulla base di una comunicazione trasmessa dall’Ospedale militare di Bari. E' ignoranza pura, sono anni che l'omosessualità non è più considerata una patologia e sarebbe ora che tutti ne prendessero definitivamente coscienza. Il caso reiterato di patente negata a un omosessuale, oltre che pura follia discriminatoria, è esemplificativo di un paese in stato di perenne confusione. I deputati radicali hanno depositato oggi una interrogazione parlamentare urgente ai ministri dei trasporti e della difesa. Noi chiediamo che il ministro per le pari opportunità, Mara Carfagna, si attivi immediatamente perchè‚ la folle discriminazione venga cancellata a tutela di questa ennesima vittima del delirio omofobico"

Anche il Presidente della provincia di Brindisi ha commentato il tutto come una vicenda assurda e incredibile:

"Trovo sconcertante quanto accaduto ad un cittadino di Brindisi il quale si è visto negare il rinnovo della patente perch‚ la sua dichiarata omosessualità potrebbe costituire un pregiudizio per la sicurezza della guida". Lo afferma il presidente della Provincia di Brindisi, Massimo Ferrarese, il quale in una nota sostiene che "la prima cosa da fare è quella di rimuovere immediatamente gli inaccettabili ostacoli alla base del mancato rinnovo della patente"

Paola Concia ribadisce la necessità di risolvere questo clima di omofobia imperante:

"Quello che accaduto al ragazzo omosessuale che si e' visto negare il rinnovo della patente, in una terra come la Puglia tradizionalmente aperta e inclusiva, mi lascia davvero esterrefatta e trovo che sia un atto di vera e propria omofobia di stato. Per questo saro' tra i firmatari dell'interrogazione presentata dai Radicali sulla vicenda, affinche' non accadano piu' fatti di tale gravità. 'Nel mese in cui si celebra la giornata mondiale contro l'omofobia e il Parlamento si appresta a votare la proposta di legge contro l'omofobia e la transfobia, lo Stato italiano - sottolinea Concia - si rende protagonista di una vicenda che non e' degna di una democrazia civile e progredita: non soltanto siamo l'unico fra i paesi fondatori dell'UE, insieme alla Grecia, a non garantire tutele alle persone LGBT, ma ci permettiamo anche di trattare un cittadino omosessuale come malato e per questo non degno di avere diritto al rinnovo della patente. Chi ha commesso un simile errore dovra' renderne conto davanti alla giustizia. Io intanto - conclude Concia - gli consiglierei di documentarsi meglio, leggendo magari la dichiarazione con cui l'Organizzazione Mondiale della Sanita' definisce l'omosessualita' una variante naturale del comportamento umano e non certo una patologia"

Via | La Gazzetta del Mezzogiorno

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: