Parte a Milano "Liberi Amori Possibili", Rassegna di Teatro Omosessuale

Parte a Milano "Liberi Amori Possibili", Rassegna di Teatro OmosessualeDal 2 al 10 maggio torna a Milano Liberi Amori Possibili, quinta Rassegna di Teatro Omosessuale che nelle precedenti edizioni ha riscosso un crescente successo di critica e pubblico. Da parte delle amministrazioni pubbliche locali un no imbarazzante al patrocinio, come è da sempre per qualsiasi investimento sulla cultura delle diversità, dell'amore tra persone dello stesso sesso. Nove spettacoli al Teatro Libero, suggestiva sala in cima a uno stabile di via Savona, scelti tra cinquanta candidature, che riguardano la comunità LGBTQ; temi esplicitamente indicati dalla politica sociale della nostra comunità che ha focalizzato la sua attenzione sull'amore di coppia.

Va ricordato che Liberi Amori Possibili ha tra i suoi obiettivi la lotta all'omofobia, in un periodo in cui pare non esserci risposta contro la violenza omofoba, mentre una legge di difesa sopisce in Parlamento tra l'indifferenza generale dei legislatori. Così anche una Rassegna come quella milanese può denunciare questa frattura tra il mondo reale e quello politico. Novità di quest'anno sarà Babele Presenta, una serie di eventi collaterali in collaborazione con la Libreria Babele.

Dal punto di vista organizzativo va riconosciuto il lavoro di Francesco Di Rienzo, segretario di Innovazione Culturale, che da sempre cura la direzione organizzativa di Liberi Amori Possibili. Sostegno e contributo fattivo arriva anche dal C.I.G., Comitato Provinciale Arcigay; da Rosaria Iardino, presidente di NPS Italia Onlus e da Teatri Possibili, una grande comunità artistica ideata e fondata dall'attore e regista Corrado D'Elia.

Parte a Milano "Liberi Amori Possibili", Rassegna di Teatro Omosessuale

Ad aprire la Rassegna Death And Dancing, di Claire Dowie. Storia londinese di un gay e una lesbica che, nonostante tutto decidono di amarsi, rifiutando ogni etichetta e convenzione sociale. Death And Dancing è anche la storia dell'autrice che intende affermare l'omosessualità più come ricchezza che non effimera diversità.

Il 3 maggio andrà in scena Cala 'A Saudage, testo e regia di Giuseppe L. Bonifati. Samba, travestitismo, amicizia, triangoli e diversità creano una simbiosi tra i personaggi che vivono passioni anonime e fortune agognate. Mirabile, in scena riecheggia l'atmosfera di saudage che i protagonisti rivivono sulla pelle, grazie alla scelta di eseguire live musiche latino-americane affidate alla fisarmonica di Francesca Palombo.

Il 4 maggio, di e con Davide Cuccuru, A Nudo, storia di Pablo e Abel, due ventenni che inciampano nel sesso nell'isolamento dell'alta montagna. La passione diventa amore, ma dovranno affrontare intolleranza e omofobia. Tutto ha un prezzo, e a loro toccherà decidere se usare quello della paura o della consapevolezza. Un monologo che punta dritto al cuore.

Il 5 maggio, Tea Story Cat, presenta Storie di Fuoco e D'Amore, di e con Silvia Iannazzo. C'è un rimedio all'eros folgorante, che fa dimenticare di essere umani? C'è una cura alla passione bruciante? Da queste domande nasce la drammaturgia di una delle tre fiabe d'amore che nello spettacolo cercano di attraversare e magari andare oltre l'identità sessuale. Si può venire al mondo principi, ma se hai un animo femminile, si manda in crisi un sacco di gente.

Il 6 maggio è la volta di Making Porn, di Ronny Larsen, regia di Massimo Stinco. Tratto da una storia vera e ambientato a San Francisco nei primi Anni Ottanta, narra le vicende di sei persone coinvolte nell'industria dei film porno gay. Rappresentato negli States, Making Porn ha avuto successi off Broadway e nel 1999 è sbarcato per la prima volta a Roma. Forse rallegrerà qualcuno sapere di poter assistere anche a scene di nudo integrale maschile.

Il 7 maggio Manuales De Saliva, di Gema Diaz, Raquel Sanchez e Veronica Cendoya. Qui ci caliamo nel teatro-danza, grazie alla Compagnia Viajes a Marte, formata da una coppia lesbica e una donna bisex. Sulle note del musicista della compagnia Adele Madau, vengono man mano fuori le dinamiche relazionali, la famiglia come concetto non esclusivamente tradizionale. Una prima nazionale imperdibile.

L'8 maggio, le Nuvole Teatro presentano Non è una voglia X di G. Alchieri e R. Favaroni, regia di Gerolamo Alchieri. Andrea, il protagonista, non accetta che tra lui e Sara sia tutto finito. A consolarlo è Dario, il suo nuovo fisioterapista che lo ascolta, lo consiglia... O forse no? Già, perché nel difficile percorso umano, dimentichiamo i desideri e le voglie “X”, o meglio, li nascondiamo, anche a noi stessi.

Penultimo spettacolo, il 9 maggio, Festa di Compleanno, di Angela Matassa e Giovanna Castellano, diretto e interpretato da Arnolfo Petri. Una torta e quaranta candeline. Da lì Fabrizio comincia il racconto della memoria, delle dolcezze, dei ricordi, del dolore di cui è stato protagonista. Dentro ci siamo anche noi con i rispettivi “mal di vivere”, le madri e i padri, due universi spesso indissolubilmente legati da un rapporto devastante di dipendenza, di odio-amore inconfessato. Festa di Compleanno è uno spietato ma anche tenero requiem nelle malinconie del passato.

Chiude la Rassegna Tutti Uguali, progetto e regia di Francesco Botti. La Compagnia Nausika ha lavorato per un intero anno al fine di rappresentare le varie forme e modalità che l'attrazione può assumere. Nelle regole che governano queste attrazioni, l'esperienza di centinaia di migliaia di donne e uomini è stata esclusa nel nome della “morale vigente”. Ci si è dimenticati che ad accomunare tutti gli esseri umani sono emozioni e attrazione.

Biglietti in vendita presso Teatro Libero via Savona 10, Milano
Tel. 02. 8323126

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 38 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO