Greg Reynolds, scomunicato dal Vaticano prete che difendeva i diritti gay?

La notizia sorprende e apre qualche interrogativo

Il Vaticano, Twitter e l’outing di un famoso politico italiano

Nelle ultime settimane si parla spesso della presunta apertura da parte di Papa Francesco ai gay ma la notizia delle scorse ore mostra una situazione decisamente diversa.

Greg Reynolds è un prete australiano che ha aperto il proprio pensiero e spesso ha sostenuto il sacerdozio femminile e i diritti Lgbt. E poco fa, proprio al religioso, è arrivata la scomunica ufficiale, scritta in latino. Nessuna spiegazione è stata data insieme alla decisione ma sembra scontato il legame tra le sue note opinioni:

"Una volta la scomunica era una qualcosa di serio ma adesso le gerarchie hanno perso tale rispetto. Ho le mie idee perché ho seguito la coscienza in merito al sacerdozio per le donne e delle nozze gay. Il Vaticano non mi ha mai contattato e non mi ha dato spiegazioni"

Finora, la scomunica aveva soprattutto colpito preti coinvolti in scandali pedofili, ma adesso la situazione è totalmente diversa. La sua apertura al mondo Lgbt è stata bocciata dal Vativcano? E la famosa "apertura" che fine ha (già) fatto?

Via | Patheos

  • shares
  • Mail