“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema


Oggi esce “I ragazzi stanno bene”, il film per il quale Julianne Moore (già viste nelle pellicole gay-friendly “Lontano dal paradiso” e “A single man” di Tom Ford) interpreta Jules, madre lesbica di Joni, un’adolescente che vuole conoscere il padre naturale.

Fino a pochi anni fa l’uscita di film con tematiche gay era un vero e proprio evento. I protagonisti di una storia cinematografica omosessuale vivevano solo sul grande schermo. Gli spettatori di Brokeback Mountain che hanno conosciuto un cowboy gay sono pochissimi.

Dal 2005, anno in cui è uscito il film di Ang Lee, qualcosa è cambiato. Il cinema si è adeguato agli altri media che da tempo ospitano personaggi gay. La serie tv gay-friendly “Brothers and Sisters” dal 2006 racconta la vita di Kevin Walker, avvocato gay che con Scotty prova a costruire una famiglia.

La tv ha sua volta si è adeguata ai media che da tempo si occupavano di omosessuali. Internet ogni giorno si occupa di storie gay, molte di queste hanno come protagonisti proprio dei genitori.

Nell’ultimo mese Queerblog si è occupata per ben tre volte delle famiglie che assomigliano a quella di “I ragazzi stanno bene”. Nello specifico ci siamo occupati di Samuel (il bambino che ha riabbracciato i suoi papà), del congedo di paternità che il Belgio ha esteso alle compagne delle madri e dei nuovi progetti gay-friendly della Disney.

L’avvicinamento che c’è stato tra il cinema gay e il suo pubblico deve far riflettere. Secondo voi perché una certa tipologia di film, una volta destinati solo a determinati festival, oggi è pensato per il grande pubblico. Cosa è cambiato? Quando e perché il cinema gay è diventato pop?

“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema
“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: