Adozioni gay: il sondaggio del Corriere.it sta con Berlusconi


Berlusconi ha detto: mai adozioni per i single né equiparazione tra unioni etero e omosessuali. Sei d’accordo? Il 78% di chi ha partecipato al sondaggio del Corriere.it - un campione non indicativo, ma numeroso, visto che ci sono quasi 35mila voti - condivide le parole di Silvio Berlusconi.

Ora diremo che sondaggi così in Rete non hanno valore statistico, che magari gli omofobi si sono mobilitati, che i risultati si possono capovolgere. Ma rimane un fatto: l'Italia è un paese di fondo bigotto e tradizionalista, restio ad accogliere i cambiamente specie quando non riguardano realtà vicine o conosciute.

L'unico antidoto a questo, accanto alla battaglia per i diritti e per leggi giuste, è un'opera di educazione della società che può cambiare in un solo modo: con la visibilità delle persone omosessuali. Quando tutti e gay e le lesbiche avranno smesso di nascondersi e di farsi passare per quello che non sono - senza gesti eclatanti e pacchiani, per carità - allora rimarranno ben poche persone ad opporsi ai diritti lgbt.

Perché tutti avranno un figlio, un fratello, un cugino, un amico, una collega di lavoro, una vicina di casa gay, magari già con figli; e non avranno paura di questa misteriosa entità - i gay - che sembrano sbucati fuori da chissà dove e che, per la casalinga di Voghera, hanno le fattezze di Malgioglio e di Platinette (o al più di Cecchi Paone) e non del suo figliolo o del suo nipotino. Fino ad allora sondaggi come questo saranno la regola.

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: