Caravaggio il milanese...

La notizia della scoperta è stata divulgata dal quotidiano Il sole 24 ore. E l'annncio è di quelli che possono di colpo rendere obsoleti tutti i libri di storia dell'arte sin qui mai pubblicati. Vittorio Pirami, manager in pensione con la passione per la storia dell'arte, ha infatti scoperto negli archivi di una parrocchia milanese il documento che attesta il battesimo e di conseguenza la nascita meneghina del maestro indiscusso della pittura barocca, uno dei più grandi artisti omosessuali di tutti i tempi.

Caravaggio non sarebbe dunque di Caravaggio, paese in provincia di Bergamo dal quale Michelangelo Merisi ha preso il soprannome. Sarebbe infatti nato a Milano da Fermo Merisi e Lucia Aratori il 29 settembre 1571 e battezzato il 30.

L'Ansa riporta che

ora Pirami, 67 anni, di Pistoia, sta approntando un saggio scientifico sul ritrovamento da affidare alla stampa specializzata e la rivista longiana "Paragone" ha già accettato di accoglierlo. La scoperta è dello scorso 14 febbraio, giorno di San Valentino, ma c'era in realtà una traccia che portava a Milano visto che il fratello, Giovanni Battista, era nato il 21 novembre 1572 ed era stato battezzato nel capoluogo lombardo.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: