La giustizia obbliga l’Ohio a riconoscere i matrimoni gay celebrati in altri stati

A seguito di alcuni casi particolari, alcuni tribunali dell'Ohio hanno obbligato lo stato a riconoscere i matrimoni ugualitari celebrati all'estero, sebbene in Ohio le nozze tra persone dello stesso sesso non siano legali.

La giustizia obbliga l’Ohio a riconoscere i matrimoni gay celebrati in altri stati

Importante decisione in Ohio, USA, dove un giudice federale ha ordinato che David Michener figuri come marito nel certificato di morte di William Herbert Ives, deceduto la scorsa settimana. Michener e Iver hanno contratto il matrimonio in Delaware, uno degli stati in cui le nozze tra persone dello stesso sesso sono legali. È la seconda sentenza di questo tipo nell’Ohio, primo stato USA ad aver riconosciuto due matrimoni tra persone dello stesso celebrati in altri stati nonostante il fatto che tali nozze non siano possibile nel suo territorio.

Esiste un paradosso negli USA, a seguito della sentenza della Corte Suprema che ha dichiarato incostituzionale la terza sezione del Defense of Marriage Act: se da un lato abbiamo che l’Agenzia delle Entrate riconosce la parità matrimoniale di tutte le coppie regolarmente sposate, indipendentemente dallo stato in cui vivono, dall’altro si ha la situazione per cui una coppia sposata in uno stato che lo permette (New York, per esempio) e che si trasferisce in uno stato in cui le nozze gay non ci sono (come, per esempio, il Texas) vedrà riconosciuti i propri diritti a livello federale, ma non per tutti quelli che hanno a che vedere con lo stato in cui risiedono. Paradosso che prima o poi doveva giungere ai tribunali, dando il via a una serie di sentenze che alla fine potrebbero giungere alla Corte Suprema.

Così l’Ohio è il primo stato che ha dato il via a questa battaglia legale. Già a luglio si è avuta una sentenza in cui un tribunale obbligava lo stato a riconoscere il matrimonio tra due uomini celebrato nel Maryland. Ora la storia si è ripetuta e, a seguito della morte di uno dei due componenti di una coppia dello stesso sesso, si è dovuto procedere alla registrazione del loro matrimonio, il che ha permesso al coniuge rimasto in vita di potersi continuare a prendere cura con serenità dei tre figli che aveva con il marito.

Via | Dos Manzanas
Foto | Di TUBS [CC-BY-SA-3.0], attraverso Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail