Proposta per intitolare un centro di documentazione LGBTQI a Salvatore Rizzuto Adelfio

Una proposta a Palermo per non far perdere la memoria di Salvatore Rizzuto Adelfio, attivista lgbt della prima ora, recentemente scomparso.

La mia Palermo è Altroquando. Un saluto a Salvatore Rizzuto Adelfio

Pochi giorni fa si è spento a Palermo Salvatore Rizzuto Adelfio. Un personaggio fondamentale della cultura, in particolare LGBTQI, della città. Gestiva, fra le altre cose, insieme al compagno, la fumetteria e libreria Altroquando, che è stata un punto di riferimento per tutti i palermitani curiosi, desiderosi di letture fuori dagli schemi, alla ricerca delle piccole chicche degli editori indipendenti.

Con naturalezza, chiacchierando con Titti de Simone, salutando Salvatore anche attraverso la rete web, è nata l'idea di creare dal materiale infinito della fumetteria un centro di documentazione, la proposta è partita spontaneamente. Quindi non si tratta solo di intitolare, ma semplicemente di preservare una memoria, una delle anime del tessuto connettivo di questa città.

Già si raccolgono le prime adesioni, compresa quella dell'assessore comunale Giusto Catania. Intanto si può aderire tramite Facebook, dove è stata creata una pagina apposita.

Spiega la presidente del coordinamento Palermo Pride di Palermo, Titti de Simone:

Spero che la passione e l'impegno civile di Salvo siano onorati dalla città di Palermo con un centro di documentazione dedicato alla storia del movimento Lgbt siciliano, da cui nasce il movimento lgbt italiano, e la stessa Arcigay. La proposta riguarda ovviamente anche il coordinamento pride e presto ci riuniremo per definire il percorso che vogliamo fare.

Fra gli altri, naturalmente, è stato coinvolto il compagno di Salvo, Filippo Messina. Conclude la de Simone:

ci incontreremo con lui a breve, ha aderito alla proposta, per parlare più approfonditamente dell'iniziativa e condividere le prossime tappe.

  • shares
  • Mail