Strisce pedonali rainbow dinanzi all’ambasciata russa di Stoccolma

Un anonimo pittore ha dipinto con i colori dell’arcobaleno le strisce pedonali dinanzi all’ambasciata russa di Stoccolma, come singolare forma di protesta nei confronti dell’omofobia di stato che vige in Russia.

Strisce pedonali rainbow dinanzi all’ambasciata russa di Stoccolma

La Russia è la protagonista delle notizie lgbt di queste ultime settimane e le statistiche confermano che da quando è stata approvata la cosiddetta legge contro la propaganda omosessuale, il tasso di violenza nei confronti delle persone gay è cresciuto in maniera esponenziale.

Molte condanne sono arrivate da tutto il mondo, anche per quel che riguarda lo svolgimento dei Giochi Olimpici Invernali che si terranno a Sochi nel 2014, ma la Russia, e Putin in primis, continuano imperturbabili per la propria strada.

Tra le varie forme di protesta che si stanno mettendo in atto c’è quella che ha visto la luce a Stoccolma, in Svezia, dove qualcuno ha dipinto di rainbow le strisce pedonali dinanzi all’ambasciata russa. L’iniziativa è stata resa subito nota da George Takei che in questi giorni si sta battendo fortemente per far spostare i Giochi Olimipici Invernali dalla Russia al Canada.

Le strisce pedonali arcobaleno sono realtà in diverse città del mondo: in alcuni casi sono temporanee, realizzate soprattutto in occasione del Gay Pride, in altre sono fisse. E ora diventano anche un mezzo di espressione della lotta per i diritti delle persone lgbt a livello globale.

Via | InOut Post

  • shares
  • Mail