“I ragazzi stanno bene”, le famiglie gay non esistono solo al cinema