I cinesi a favore dei matrimoni omosessuali

Gli utenti cinesi di internet, nella stragrande maggioranza pare siano a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Lo scrive il quotidiano Global Times che riferisce di un sondaggio apparso nei giorni scorsi su un forum di people.com.cn. Su 350 mila visitatori, 87 mila intervistati si sono espressi favorevolmente, mentre mille si sono detti contrari. Un buon passo di speranza in un paese dove cresce l'economia e con essa il desiderio di diritti da parte della comunità omosessuale, spesso oscurata dalla dirigenza politica di quel paese.

A promuovere l'indagine un gruppo di attivisti omosessuali della Youth Internet Association, un’ organizzazione non governativa secondo cui oggi in Cina vivono 35 milioni di cittadini omosessuali a cui va data una risposta su certe questioni di diritti. Il matrimonio è tra questi! Ha chiarito un loro portavoce:

"Questo non significa che tutti vogliono sposarsi ma che vogliono aver il diritto di farlo per evitare discriminazioni sui terrenni dell' adozione e dell’ eredità".

Ma guai a cadere in facili ottimismi; l'omosessualità in Cina è ancora vista come un tabù, alcune manifestazioni pubbliche vengono proibite dalle autorità ; la gente così indaffarata nella quotidiana lotta del vivere poca attenzione presta a nuovi diritti che riguardano la comunità LGBT cinese. Ma, grazie alla tenacia di alcuni militanti, qualcosa si sta muovendo e anche questo sondaggio non potrà essere ignorato dalle autorità.

All'inizio di febbraio, Zhu Lieyu, un avvocato e rappresentante al Congresso del popolo della provincia del Guangdong, famosa per essere tollerante e aperta anche a temi così difficili, ha presentato un piano per le coppie omosessuali, chiedendo che la questione venisse discussa e presa in seria considerazione.

Ma anche tra i gay c'è chi dispera che qualcosa di pratico ne verrà fuori da questo ultimo sondaggio: "È solo un sondaggio online, non è convincente". Vedremo!

Foto | Jakob Montrasio

Ti potrebbe interessare anche:

Outbrain