Atlanta, attivista LGBT si fa uccidere dalla polizia

La comunità LGBT del Georgia Institute of Technology di Atlanta sta piangendo in queste ore la scomparsa di Scout Schultz, 21enne presidente della Pride Alliance presso la stessa università, in quello che sarebbe stato un vero e proprio piano suicida.

Le autorità sono state allertate nella tarda serata di sabato, quando una chiamata ha segnalato loro la presenza di una persona armata di pistola e coltello all'interno del campus. Quella persona è risultata poi essere Scout Schultz, che avrebbe brandito un coltello davanti agli agenti e avrebbe intimato loro di sparare.

Ogni tentativo di calmare la situazione è fallito e quando Schultz ha continuato ad avanzare verso gli agenti brandendo il coltello, uno di loro ha aperto il fuoco.

Schultz, che si definiva bisessuale, non binario e intersex, ha perso la vita. La corsa in ospedale non è riuscita ad evitare il peggio e poche ore dopo i medici della struttura non hanno potuto far altro che dichiarare il decesso.

La Pride Alliance ha rilasciato un breve comunicato per ricordare Scout Schultz e per invitare le persone che hanno istinti suicidi a chiedere aiuto.

Ti potrebbe interessare anche:

Outbrain