Federico García Lorca fu ucciso perché gay

Sono venuti alla luce alcuni documenti che testimoniano l'implicazione diretta del regime franchista nell'uccisione di Federico García Lorca

La stampa spagnola ha reso noti dei documenti sulla morte di Federico García Lorca che finora erano riservati e che confermano quello che tutti sospettavano ma che nessuno ha mai voluto riconoscere: cioè che il regime franchista fu direttamente implicato nella fucilazione di Federico García Lorca nell’agosto del 1936 e che la morte del poeta fu dovuta anche alla sua omosessualità.

Una relazione datata 1965, trent’anni dopo la morte di Federico García Lorca, racconta nei dettagli la detenzione e l’esecuzione del poeta.

Secondo questo documento, Federico García Lorca venne ucciso perché era “un massone appartenente alla loggia Alhambra in cui adottò il nome simbolico di Omero”. Inoltre “era noto per le pratiche di omosessualismo, aberrazione che giunse a diventare vox populi, anche se non ci sono evidenze di alcun caso concreto in merito”.

Ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati