Sherlock, co-autore della serie tv: "La gente fantastica su questa cosa ma non è gay"

Il celebre detective non è gay come buona parte del pubblico pensa.

Uno dei co-creatori della popolare serie tv 'Sherlock', Steven Moffat, ha detto che se anche "tutti vogliono pensare" che il celebre personaggio protagonista dello show sia gay, "in realtà non lo è".

Uno dei motivi che aveva fatto pensare questa tesi è stato un passaggio avvenuto in un episodio del 2010: Watson aveva chiesto se Holmes avesse una fidanzata. E lui ha risposto "Fidanzata, no. Non proprio il mio campo".

In una recente intervista, l'autore tv ha spiegato la realtà dei fatti:

"Parliamone una volta per tutte. E 'una cosa divertente quando un personaggio da oltre 100 anni dica "Non faccio quello alla fine". E' qualcosa che viene detto da più di 100 anni! Lui non è interessato al sesso. E' volontariamente stato lontano da quel lato, nel tenere il suo cervello puro, come da tipica credenza vittoriana. Ma tutti vogliono credere che sia gay. Non è gay. Non è etero. E il dottor Watson è molto chiaro che preferisce le donne. La gente vuole fantasticare su questa cosa. Va bene. Ma questo discorso non fa parte dello show. "

Nessuna storyline romantica o Lgbt nei prossimi episodi del telefilm.

C'è, invece, un personaggio, nel telefilm, interpretato da Andrew Scott, apertamente omosessuale nella vita reale:

"Per fortuna, queste persone non vedono l'omosessualità come un difetto del carattere. Ma non è neppure una virtù , come la gentilezza. O un talento, come suonare il banjo. E' solo un dato di fatto. Io sono una persona riservata, penso che sia importante se sei un attore. Ma c'è una differenza tra privacy e segretezza e io non sono una persona riservata. Davvero, voglio solo andare avanti con il mio lavoro che è quello di far finta di essere un sacco di persone diverse. Semplicemente quello"

Ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati